Una giornata a Wimbledon tra queue, storia e campioni del tennis (FOTO)

COME ENTRARE A WIMBLEDONL‘Italia è stata eliminata dagli europei, la Serie A riprenderà ad agosto e le Olimpiadi di Rio sono ancora lontane. Per tutti gli amanti dello sport questo momento dell’anno è sempre difficile, ma la programmazione dell’ATP vuole che dal 27 giugno al 10 luglio si giochi Wimbledon. Quale migliore occasione allora per visitare Londra nelle due settimane dell’unico slam che si gioca su erba.Queue

Da sempre entrare all’All England Club è un’impresa ardua perché i biglietti non sono messi in vendita a tutti come nei classici tornei. Di conseguenza l’unico modo per entrare a Wimbledon è attraverso la “Queue”, ovvero la fila. Tutte le mattine ci sono a disposizione circa 8-10 mila tagliandi per il ground (che garantisce l’accesso indifferentemente dal campo 3 al 18) al prezzo di 25 sterline. Vista così sembra un gioco da ragazzi, ma la coda per entrare inizia a formarsi già dalla sera prima con le persone che si accampano con le tende in modo da essere sicuri di riuscire a strappare un pass per il giorno seguente. Dunque se vorrete veramente vedere da vicino campioni come Djokovic, Federer, Murray e chiunque voi vogliate sappiate che dovrete arrivare almeno per le 6:30-7:00 del mattino, ma tranquilli quando scenderete a Southfield (fermata della metro) vedrete migliaia di persone iniziare a correre verso l’ingresso del Major e capirete che entrare sarà tutto fuorché un gioco da ragazzi!

Queue tende

Gli organizzatori del torneo sanno che l’attesa può essere snervante e dopo due, tre ore di fila non è garantita l’entrata. Per questo anche la “Queue” diventa uno degli aspetti che rendono unico Wimbledon. Troverete persone con tavoli e sedie pieghevoli stappare bottiglie di prosecco come se non ci fosse un domani, stand per mangiare qualcosa e golf cart decisamente particolari aggirarsi per il prato in cui si aspetta per entrare (come nell’immagine qui sotto). Il consiglio che vi diamo è di arrivare presto e acquistare (o portarla da casa) una coperta da picnic in modo da potervi sedere nella lunga attesa. Mettetevi comodi, leggetevi un giornale e siate pazienti perché anche il meteo difficilmente regala gioie. Queue golf cart

Una volta entrati (dovrebbero essere circa le 10.30-11.00 del mattino) è  arrivato il momento di gustarsi il grande tennis da vicino. Passeggiare per l’All England Club è qualcosa che non capita tutti i giorni. Per le viette del torneo più prestigioso del mondo si respira un mix di storia e innovazione. All’entrata vi troverete subito davanti l’ordine di gioco del giorno e il Center Court, mentre sulla destra avrete lo shop e il Court 1. Con il vostro biglietto purtroppo non sarà possibile entrare in questi stadi, ma le possibilità di vedere i grandi campioni sono comunque alte. La “fan zone” viene adibita apposta per permettere di scattare selfie con i propri idoli, in più è possibile incontrarli anche durante le loro sessioni d’allenamento quotidiane. Posso assicurarvi, però, che il solo poter vedere un match sul campo 15 è qualcosa che non dimenticherete. Il livello di tennis è molto alto anche nei campi minori e vi capiterà di vedere giocatori del calibro di Dimitrov, Fognini, Goffin e Ferrer senza dover spendere un patrimonio per provare a prendere uno degli ultimi posti rimasti nel centrale.sdr

dav

Ovviamente quando parliamo di Wimbledon non ci riferiamo semplicemente al tennis, ma a un vero e proprio stile di vita. All’interno del circolo ci saranno ristoranti di classe, boutique esclusive e zone bar a cinque stelle. Non temete c’è anche il Food Village per chi volesse semplicemente un panino e continuare a guardare partite dalla mattina alla sera senza spendere tanto. Tra i must della giornata, però, ci sono sicuramente da assaggiare le fragole con panna e il Pimm’s. Le prime, detto sinceramente, non sono niente di particolare, ma vale comunque la pena così da poter dire: “L’ho fatto anche io”. Il Pimm’s invece è una bevanda alcolica (molto leggera) tipica di Wimbledon. In molti ne parlano male, ma assaggiandola posso affermare di esser rimasto piacevolmente sorpreso.sdr

Cosa c’è di meglio allora che sorseggiare un po’ di Pimm’s mentre si guarda un match live o magari sul pratone, dietro il Court 1, dove un maxi schermo permette a tutti di vedere cosa succede nel centrale.sdr

Insomma, se siete a Londra per più di tre giorni e il tennis è il vostro pane quotidiano, sintonizzate la sveglia per le 5:00 am, fate un piccolo sforzo e godetevi una giornata tra i prati verdi di Wimbledon. Che piova o meno importa poco perché come dicevano i QueenShow must go on!

Dimirov Wimbledon

Dario Marchetti
Twitter: @dariomarchetti7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *